Roma – 25 luglio 2013: L’Associazione Sportiva Roma riceve il premio “Braille” per il progetto delle audio descrizioni allo stadio.
Come non gioire di fronte ad un simile riconoscimento?! Peccato che il progetto è stato interamente costruito grazie alla buona volontà ed alla straordinaria dedizione che MyROMA ed i suoi volontari hanno profuso in mesi di lavoro.
E’ iniziato tutto a settembre del 2011, quando MyROMA ha presenziato alla Conferenza CAFE di Londra sull’accessibilità degli stadi. Il motto era “Total Football, Totall Access”. Un mondo nuovo, pieno di proposte, idee, iniziative per rendere sempre più accessibile il calcio, un divertimento per tutti, senza barriere mentali nè architettoniche.
Quella conferenza ci ha dato lo spunto per proporre all’A.S.Roma una serie di iniziative che seguissero le linee guida contenute nella brochure del CAFE, l’organizzazione europea patrocinata dall’UEFA che si occupa dell’accessibilità degli stadi.
Il pretesto è stato maggiormente avallato dalla concreta possibilità che si stava materializzando: la costruzione del nuovo stadio di proprietà dell’A.S.Roma.
Così la prima iniziativa a concretizzarsi è stata quella delle audio descrizioni: abbiamo presentato un progetto all’attenzione del nostro SLO Marco Seghi il quale, dopo averlo a sua volta sottoposto alla dirigenza, ha mostrato immediato interesse ed entusiasmo. E’ stato un passo importante, partire con la fase di sperimentazione del servizio per poi, nel corso del tempo, migliorarlo e renderlo il più possibile fedele alle previsioni CAFE-UEFA.
MyROMA ha sempre lavorato grazie alle proprie risorse, del tutto gratuitamente e senza chiedere alcun tipo di corrispettivo nè per l’associazione nè per i singoli volontari impegnati, i quali come sempre operano a proprie spese.
L’importante riconoscimento conseguito dall’A.S.Roma ci riempie di orgoglio e ci stimola a fare sempre meglio, soprattutto in un ambito come quello dei tifosi diversamente abili, sempre presenti e calorosamente coinvolti dalla Magica Roma, ma purtroppo meno fortunati.
Nonostante ciò, siamo costretti a riscontrare l’ennesimo scivolone della dirigenza giallorossa: neanche in questa occasione sono riusciti a manifestare la più elementare dote che contraddistingue e regola tutti i rapporti interpersonali: il rispetto.

Pubblicato in Politiche Sociali
MyROMA CF: 97606210587 | Copyright MyROMA