Si comunica ai Soci che venerdì 23 giugno 2017 si svolgerà l'Assemblea Ordinaria per l’approvazione del bilancio 2016 presentato dal Consiglio Direttivo e consultabile nell’area riservata del sito.
L'appuntamento è alle ore 19:00 in luogo da definirsi, che verrà comunicato al più presto tramite il sito e via mail.

Questo l'ordine del giorno dell'assemblea:
 
- Approvazione del bilancio 2016
- Varie ed eventuali


Per l’occasione a margine dell’assemblea il Consiglio Direttivo organizzerà un aperitivo-cena aperto ai Soci e non Soci, per raccogliere fondi destinati alle spese legali riguardanti i ricorsi effettuati da MyRoma contro la chiusura della Curva Sud in occasione della partita di campionato Roma vs Empoli del 2015.

Facciamo un breve riepilogo.
La notizia della chiusura della Curva Sud arrivò a pochi giorni dalla ridosso partita in questione, ma MyROMA, sempre fedele ai principi che anima il proprio operato, decise comunque di fare ricorso (link) al TAR di ROMA contro la decisione del Prefetto: atto unico nel panorama calcistico italiano.
Per ovvi motivi legati alla tempistica con cui si è poi dibattuto il ricorso, la sentenza del TAR ha dichiarato l'improcedibilità per la sopravvenuta carenza di interesse, vista l'avvenuta disputa della partita, stabilendo però di potersi pronunciare, qualora in futuro la cosa dovesse ripetersi, per il risarcimento dei danni in favore dei tifosi ingiustamente esclusi. Proprio per l'eccezionalità delle questioni trattate, le spese di giudizio sono state compensate."

Cosa significa? Che qualora la Curva venisse chiusa il Tar di Roma può pronunciarsi per un risarcimento danni in favore dei tifosi che non possono vedere il match per il quale è stato regolarmente acquistato un biglietto/abbonamento. Questa sentenza ha consentito di creare le premesse affinché la Curva non fosse più chiusa.

Oggi però, sempre come dice la sentenza MyROMA deve pagare la quota parte delle spese di giudizio e quindi si è deciso di organizzare un evento aperitivo/cena per raccogliere i fondi da destinare allo scopo.

Siamo sicuri che la tifoseria della Roma parteciperà numerosa, mentre chi non potrà partecipare potrà effettuare anche una piccola donazione tramite web. 
Seguiranno maggiori informazioni.

FORZA ROMA!
 

Pubblicato in MyROMA informa
Martedì, 21 Giugno 2016 12:11

Assemblea ordinaria e cena di fine stagione

Si comunica ai soci che giovedì 30 giugno si svolgeranno l'Assemblea Ordinaria e la cena di fine stagione di MyRoma. L'appuntamento è alle ore 19.45 presso la trattoria "Tanto pe' magnà" in via Giustino De Jacobis 9-15, zona Garbatella.

Questo il programma della serata:

19:45 - Assemblea Ordinaria dei soci MyRoma con il seguente OdG: 

- Approvazione del bilancio d’esercizio al 31.12.2015. Relazione del Consiglio Direttivo e delibere relative.
- Raccolta delle idee dei Soci su iniziative da porre in essere e discussione sugli obiettivi che MyROMA si prefigge di raggiungere nel breve e medio termine.
- Varie ed Eventuali 

21:30 – Cena sociale a menu fisso (25 €)
 
- Antipasto a base di salumi e baccalà fritto
- Primo a scelta: cacio e pepe / amatricana
- Secondo a scelta: pollo ai peperoni / trippa
- Caffè/amaro

+ Vino e acqua

 
PER PARTECIPARE È OBBLIGATORIO EFFETTUARE LA PRENOTAZIONE ENTRO IL 28 GIUGNO
, scrivendo una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
Durante l’evento, i Soci potranno rinnovare le tessere e ritirare quelle già rinnovate per l’anno in corso.

Inoltre chi vorrà potrà acquistare l'esclusiva sciarpa "AS ROMA SUPPORTERS TRUST"

 

Pubblicato in MyROMA informa
Martedì, 31 Maggio 2016 15:19

Convocazione Assemblea Generale Ordinaria

I Signori Soci sono chiamati in Assemblea Generale Ordinaria dell’Associazione MyROMA, convocata per il giorno 30 giugno 2016, alle ore 06.00 in prima convocazione, e per il giorno 30 giugno 2016, alle ore 19:30 in seconda convocazione, in luogo che verrà comunicato 15 giorni prima della data prevista per discutere e deliberare sul seguente
 

ORDINE DEL GIORNO


- Approvazione del bilancio d’esercizio al 31 dicembre 2015. Relazione del Consiglio Direttivo. Delibere relative.

- Raccolta delle idee dei Soci su iniziative da porre in essere e discussione sugli obiettivi che MyROMA si prefigge di raggiungere nel breve e medio termine.

- Varie ed Eventuali

Possono partecipare all’Assemblea i Soci persone fisiche maggiori di anni 18 e i Soci diversi dalle persone fisiche, in regola con il pagamento della quota di iscrizione annuale (ex art. 22 comma 4° dello statuto vigente).
Stante l’importanza degli argomenti all’ordine del giorno si sollecita la massima partecipazione di persona o per delega da parte di tutti i Soci aventi diritto di voto.

Pubblicato in MyROMA informa
Approfondita analisi tratta dal sito web specializzato tifosobilanciato.it sui conti e la gestione dell'AS Roma dall'arrivo della proprietà americana.
 
AS Roma: qualche riflessione su questi anni di gestione “Stars & Stripes”
 
Pallotta e Sabatini hanno assunto le redini della squadra giallorossa nel 2011, con la Roma eliminata agli ottavi di Champions, settima in campionato (qualificata alla Europa League) e con questa situazione contabile/finanziaria:
 


I 143,88 ml di ricavi complessivi sono strutturati come quelli di quasi tutte le società italiane: la metà (78,04 ml) vengono dai diritti TV (comprensivi della Champions), 4,45 ml dalla vendita dei calciatori, 31,02 ml dallo stadio, i restanti34,82 ml da tutto il resto (sponsor, merchandising, varie).

L’EBITDA caratteristico, calcolato cioè senza tenere conto dei proventi del calciomercato, è negativo per 1,77 ml; quello lordo, che invece tiene conto del Player Trading, rimane negativo per 18,52 ml e la perdita complessiva è di 30,53 ml.
 
Il tutto è aggravato dal fatto che la posizione finanziaria netta non solo è negativa per53,83 ml, ma è in rapido e pesante peggioramento, rispetto ai soli 8,5 ml dell’anno precedente (-45,33 ml la variazione di periodo). Ultimo, ma non meno importante, il patrimonio netto consolidato era negativo per 43,9 ml; anche questo in pesante peggioramento rispetto ai soli 13,33 ml dell’anno prima.
 
In una situazione come questa, in cui un rapido incremento dei ricavi non era pensabile, l’unica via era il taglio dei costi (106,81 ml il monte ingaggi più 21,2 ml di ammortamenti: totale 128,3 ml), al fine di riportare il risultato operativo in positivo. La buona notizia era che i soli 4 ml di ricavi derivanti dalla gestione calciatori potevano essere facilmente incrementati.
 
Invece di tagliare i costi (tradotto: liberarsi dei giocatori con gli ingaggi più onerosi) e riequilibrare il bilancio, la dirigenza capitolina scelse invece l’altra strada, quella che va più di moda e che non scontenta i tifosi: investire sulla rosa per migliorare i risultati sportivi ed attendere un incremento dei ricavi che, si spera sempre, arrivino a braccetto coi risultati.
 
Dal mio punto di vista, un grave errore di valutazione.
 
Se per una squadra che non beneficia dei ricavi della Champions League questo ragionamento ha perfettamente senso (investo nella speranza di qualificarmi, così, accedendo a quella competizione, incremento quella voce di ricavo), per una squadra che già vi partecipa non ne ha alcuno. I ricavi da stadio (31 ml) e quelli televisivi (78 ml) sono già ai massimi livelli e quelli da sponsorizzazioni e merchandising sono di lento ed incerto incremento, Champions o non Champions. Ma tant’è.


 
L’anno seguente (stagione 2011/12), dal momento che la Roma non si era qualificata alla Champions League, il peggioramento dei conti era stato certamente messo in preventivo e si è puntualmente verificato.
 
I ricavi da gare si dimezzarono, quelli televisivi scesero a 64,4 ml, i proventi della gestione calciatori salirono a 9,06 ml, la lieve diminuzione del monte ingaggi (-3,9 ml) fu più che compensata dall’aumento degli ammortamenti (+7 ml). L’aumento della quota ammortamenti, per inciso, è un effetto collaterale dell’eccesso di player trading, “arte” in cui Sabatini si destreggia con maestria.
 
La prevista diminuzione dei ricavi, accompagnata da costi invariati e da un margine operativo già negativo, ha prodotto come risultato l’ulteriore peggioramento dell’EBIT (-54,8 ml) ed una perdita di esercizio ancora più importante (-58,2 ml), un ulteriore depauperamento del patrimonio netto consolidato (-52,59 ml) e, a fronte di una posizione finanziaria netta sostanzialmente invariata (-54,76), un aumento dell’indebitamento a 77,3 ml (56,6 ml di euro al 30 giugno 2011). Quel che è peggio, questo peggioramento fu interamente provocato, in assenza di operazioni straordinarie (costruzione dello stadio e/o del centro sportivo), dalla gestione corrente.
 
Nella stagione 2012/13, fuori dalle competizioni europee, Sabatini rivoluziona la squadra: richiama Zeman e procede ad un’importante stravolgimento della rosa.
 
I risultati economici finali sono: aumento dei ricavi da stadio (21,24 ml); ulteriore riduzione del monte ingaggi (94,23 ml); aumento delle plusvalenze da calciatori (10,99 ml). Tutto ciò non basta comunque a portare in positivo l’EBITDA caratteristico ed il risultato netto. Per cui, di nuovo, conto economico in rosso (-39,9 ml) e tutti gli indicatori in peggioramento: patrimonio netto consolidato a -65,97 ml, posizione finanziaria netta a -86,2 ml.


 
I pessimi risultati sportivi inducono Sabatini a rivoluzionare la rosa un’altra volta, ed a ricercare nelle plusvalenze la fonte per rinforzarla. Tutto ciò si riflesse a bilancio con aumento del monte ingaggi (107,59 ml), aumento delle plusvalenze (30,72 ml) ed un livello degli ammortamenti calciatori in leggera diminuzione (-2,8 ml).
 


L’incremento delle entrate è però fortemente condizionato dalle plusvalenze (i ricavi ordinari crescono di soli 2,8 ml) e l’EBITDA caratteristico precipita a -25 ml; valore che il Player Trading migliora solo di poco. Il risultato dell’esercizio rimane in profondo rosso (-38,4 ml).
 
Tutto questo non può che avere come conseguenza, per l’ennesima volta, il peggioramento del patrimonio netto consolidato (-81,33 ml, nonostante “23,45 ml di versamenti in conto futuro aumento di capitale, effettuati da Neep Roma Holding S.p.A.”) e della posizione finanziaria netta (-127,9 ml). Se non altro, il piano di Sabatini riesce e la Roma accede alla UEFA Champions League.
A questo punto, il processo di risanamento dei conti avrebbe dovuto essersi concluso, grazie ai ricavi aggiuntivi della partecipazione alla fase a gironi della ricca competizione europea.
 
Nel progetto di bilancio 2014/15, pubblicato in questi giorni, mi aspettavo di trovare un margine operativo positivo, un indebitamento in diminuzione ed un patrimonio netto in risalita. Invece l’enorme incremento dei costi (+28 ml di costi del personale, +20,5 ml di spese di gestione) si è mangiato tutti i ricavi aggiuntivi.


 
L’EBITDA caratteristico migliora, ma rimane ben distante dall’essere positivo (-16 ml) ed il Player Trading, questa volta, contribuisce a peggiorare la situazione, a causa del forte incremento degli ammortamenti dei calciatori (+8,6 ml, per un totale di 36,4 ml).
 
Anche questo bilancio chiude in perdita (-41 ml) ed il Patrimonio Netto Consolidato peggiora ancora. La Posizione Finanziaria Netta peggiora di 30,5 ml di euro, arrivando a 158,4. Tra l’altro, a seguito dell’operazione di rifinanziamento del febbraio 2015, oggi il l’esposizione debitoria è nuovamente verso il sistema bancario, dopo che per un paio di stagioni era stata verso l’azionista di riferimento.
 
Non bene. Anzi, oserei dire male.
 
E forse pure peggio.
 
La stagione 2010/11 è del tutto equiparabile alla stagione 2014/15, visto che in entrambe è contabilizzata la partecipazione alla UEFA Champions League. Eccole a confronto.



In buona sostanza, i quattro anni di gestione americana hanno portato ad un peggioramento di tutti gli indicatori economici che potevano essere controllati dal management: sponsorizzazioni, merchandising, proventi pubblicitari, monte ingaggi, ammortamenti, margine operativo, risultato d’esercizio, indebitamento e patrimonio netto. Insomma: tutto.
 


Il grafico seguente vale più di mille parole e mostra anche visivamente quale sia stato il trend di questi quattro anni.


 
Gli unici incrementi si sono avuti nei ricavi da botteghino e nei diritti televisivi: due voci sulle quali la gestione aziendale non ha però alcuna influenza. Rimane, infine, la voce “Altri proventi”, cioè cose come “proventi collettivi di competenza di A.S. Roma, riconosciuti dalla LNP Serie A, per attività commerciali diverse dalla commercializzazione dei diritti audiovisivi”; “sopravvenienze attive, per attività svolte in esercizi passati”; “indennizzi assicurativi relativi ad infortuni occorsi a tesserati”; “altri proventi diversi”. Ossia, niente su cui si possa contare davvero. E, di nuovo, niente che possa essere ricondotto alle scelte della dirigenza.
 
Il mancato incremento dei ricavi ordinari ha come conseguenza l’impossibilità di mantenere questo livello di costi nel medio periodo. Continuare su questa strada, con una gestione ordinaria che prosciuga la liquidità aziendale ed un elevato indebitamento, porterà inevitabilmente ad una crisi di liquidità, con l’impossibilità di onorare gli impegni assunti con dipendenti e fornitori. A quel punto, sarà necessario un cospicuo aumento di capitale per evitare il fallimento. L’altra via è un drastico taglio dei costi, ma, vista anche la campagna acquisti di quest’anno, non sembra essere questa la direzione intrapresa da Sabatini e Pallotta.
 
E c’è di peggio.
 
Come dicevo prima, a fronte di un incremento strutturale nei costi, l’incremento dei ricavi è invece basato su fonti precarie, incerte nell’an e nel quantum: 52,2 ml di euro sono relativi alla partecipazione alla Champions League e 27,7 ml sono ricavati dalla gestione calciatori (per ottenere questo importo, tra l’altro, sono state necessarie cessioni che portassero ben 38,5 ml di plusvalenze).
Supponiamo che la squadra incappi in un’annata sfortunata e non si qualifichi alla Champions League. Potrebbe succedere: non è un evento così improbabile.
 
In un sol colpo verrebbero meno 50 ml aggiuntivi di diritti televisivi; l’annata negativa svaluterebbe il parco giocatori, rendendo probabilmente difficile replicare quell’ammontare di plusvalenze e, senza Champions, calerebbe anche l’importo ricavato dalla biglietteria. Verrebbero così a mancare almeno 60/70 ml. La riduzione dei ricavi a 150 ml, a fronte di costi pari a 250 ml, con una gestione che già adesso, in condizioni massimamente favorevoli, ha prodotto una perdita di circa 30 ml, avrebbe effetti devastanti.
 
Normalmente, un’azienda che sperimenta una temporanea diminuzione dei ricavi, fa ricorso all’indebitamento per garantire la continuità aziendale. La AS Roma però è già pesantemente indebitata e presenta un patrimonio netto profondamente negativo: non si vede come possa accedere ad ulteriore credito. A quel punto, rimarrebbero poche cose da fare: la vendita massiccia dei calciatori più importanti; l’ennesimo aumento di capitale; portare i libri in tribunale. Una, due o tutte e tre le cose.
 
Le speranze, a quanto mi dicono, sono riposte nello stadio.
 
Premesso che non riesco ad immaginare come una società con quel mix di conto economico/stato patrimoniale/indebitamento possa dapprima reperire i finanziamenti e poi sostenerne i costi (va bene, qualcun altro progetta lo stadio – e tutto quello che ci sta intorno -, ci mette i soldi, lo costruisce in nome e per conto della AS Roma, e poi? Dopo aver sostenuto tutti gli oneri, gira tutti i ricavi alla Roma? E chi sarebbe questo benefattore? Pallotta?), resta comunque il fatto che perfino un incremento netto dei ricavi da biglietteria pari a 30 ml (vorrebbe dire incassare come minimo 80/90 ml dallo stadio!), con questo livello di costi, farebbe fatica a riportare in equilibrio la gestione. Inoltre, la costruzione di uno stadio ha tempi lunghi, del tutto incompatibili con l’attuale situazione economico finanziaria della Roma.
 
Di questo passo, se la dirigenza non porta nuovi e ricchi sponsor e non si organizza per incrementare cospicuamente il merchandising, la società AS Roma finirà inevitabilmente per schiantarsi, sia a livello economico che sportivo.
 
Anche un aumento di capitale non risolverebbe il problema (potrebbe, però, posticiparlo): se la gestione non è in equilibrio, è solo questione di tempo perché i soldi finiscano nuovamente.

Nel frattempo, credo che qualche domanda sulle intenzioni di questa dirigenza, che sta depauperando anno dopo anno il patrimonio economico della Roma, sia lecito porsela.
 
Pubblicato in Economico e Finanziario
Lo Swansea City AFC ha reso pubblici il 31 Ottobre alcuni dettagli dell'ultimo bilancio societario(Maggio 2013) che mostra conferme sulla buona gestione del club con un utile netto di 15,3 milioni di sterline, in crescita rispetto all'anno precedente di 0,7 milioni dove il profitto si era fermato a 14,6 milioni.
 
La gestione in positivo ha consentito di investire in maniera incisiva sia dentro che fuori dal campo, per il valore netto contabile di registrazione dei giocatori, per rendere il club più competitivo, infatti le spese sono più che raddoppiate passando da 8,9 milioni ai 19,1 registrati a Maggio 2013, ma proseguono anche importanti investimenti per migliorare la redditività nel lungo periodo e la sostenibilità economica, su tutti il settore giovanile sui cui emergono i primi dettagli sulle prossime operazioni e sullo sviluppo dello stadio.
 
I ricavi complessivi, escluse le operazioni di mercato, sono cresciuti di 1,9 milioni di sterline passando da 65,2(2012) a 67,1 di Maggio 2013. I profitti ante interessi e tasse ammontavano a 20,6 milioni composti da8,4 milioni derivanti da operazioni di gestione ordinaria e 12,2 legati al trasferimento di giocatori.
 
A fronte degli ottimi risultati è stato deliberato il pagamento di un ulteriore dividendo di 1 milione di sterline portando complessivamente a 2,4 milioni i bonus corrisposti ai propri azionisti in quest'anno contabile (tra cui il Supporters Trust al 20%), e il board ha annunciato nuovi investimenti destinati a migliorare il settore giovanile. Il Trust ha stabilito a maggioranza, il 78% del favorevoli, di destinare a riserva il dividendo percepito per poter nel futuro valutare la possibilità di acquisto di altre quote del club gallese e nel frattempo destinarne parte in sponsorizzazioni per i campionati giovanili del South Wales, proseguendo l'intenso impegno verso la comunità
 
Per quanto riguarda gli investimenti off the pitch6 milioni, secondo le parole del direttore finanziario dello Swansea City, Don Keefe, saranno destinati alla realizzazione di un polo di allenamento per le giovanili vicino allo stadio Liberty, più altri 5 per la costruzione di un'altra area destinata a campi di allenamento nei pressi di Fairwood.
 
Le parole del direttore finanziario dello Swansea City, Don Keefe nel comunicato sul sito del club:
 
“The Board is extremely pleased with the latest results and the year in general, both on and off the pitch. 

“We have put the funds generated by these profits to good use with the completion of a new £6m Youth Academy training facility near the Liberty Stadium, plus an initial £5m on a new training complex at nearby Fairwood. 

“The club has also continued to invest in the playing squad to maintain a performance standard required for participation in the Barclays Premier League. 

“The net book value of player registration costs was £19.1m at May, 31, 2013 – an increase of £8.9m over the previous year. 

“Team performance on the pitch was excellent with a ninth-place finish in the Barclays Premier League and a Capital One Cup victory at Wembley Stadium which provided entry into this season’s Europa League competition.’’
Il club inoltre prosegue la progettazione dell'ampliamento annunciato del Liberty Stadium(attualmente con una capacità di 20500 posti), che nel progetto finale dovrebbe vedere la capienza finale aumentata fino a 12000 nuovi posti(raggiunta attraverso tre interventi separati e differiti nel tempo) per cui la società si è avvalsa della consultazione pubblica con i suoi tifosi per avere maggiori dati sulle reali necessità di ampliamento e stabilire i passi da compiere.
 
Prosegue così la gestione lungimirante del club gallese sempre più osservato speciale nella Premier League, che riesce a sintetizzare good governance, investimenti nel lungo periodo e ottimi rapporti con i tifosi grazie alla presenza nella compagine azionaria del club dell'associazione di tifosi Swansea City Supporters' Trust(nome ufficiale Swansea City Supporters Society Ltd) che possiede il 20% dello Swansea City AFC, rappresentata da Huw Cooze nel consiglio di amministrazione della società.
 
Il gruppo di supporters dello Swansea dal 2002, anno in cui ha partecipato al salvataggio del club con un spesa complessiva di oltre 200.000 sterline per l’acquisto delle quote, prosegue nell'importante ruolo consultivo rientrando in tutte le decisioni chiave per la società e a tutela degli interessi dei tifosi.
Pubblicato in Dal mondo
MyROMA CF: 97606210587 | Copyright MyROMA