Barbara La Rosa - [www.barbaralarosa.it - link all'articolo ]

"Solo iniziando a trattare il tema della disabilità e dell’accesso al cinema, alla cultura, allo spettacolo, allo sport ecc, ho iniziato a capire realmente cosa volesse dire vivere in una città fatta di barriere.

Nel caso dello sport, parlare di renderlo accessibile alle persone con disabilità non vuol dire solo permettere di farlo praticare a tutti, ad alti livelli (vedi paraolimpiadi), ma significa anche rendere fruibili i luoghi dello sport per gli utenti, con disabilità, che vogliono seguirlo attivamente.

In particolare in questo articolo voglio occuparmi di accessibilità degli stadi, dal momento che in Italia si parla del calcio in tutti i termini tranne che della fruita’ degli stadi.

Proprio questo è il tema centrale del progetto STADI ACCESSIBILI promosso dal Dipartimento politiche sociali di Myroma, il Supporters Trust dell’A.S. Roma Calcio.

Il Dipartimento si occupa infatti di promuovere e tutelare i diritti dei tifosi disabili e delle famiglie, attraverso attività di sensibilizzazione, organizzate ad hoc, in collaborazione con A.S. Roma.

Myroma, realta’ che ho iniziato a conoscere anche grazie alla particolare attenzione nei confronti dei temi sociali, è entrata in contatto con il CAFE (Center for Access to Football in Europe) il quale, con il patrocinio dell’UEFA, si occupa di garantire l’accessibilità degli stadi di calcio europei.

Il CAFE e l’UEFA hanno prodotto la “Guida per le buone pratiche per uno stadio accessibile ed una partita piacevole”, contenente le linee guida in materia di accessibilità, recepita da Myroma e diffusa dalla stessa attraverso il proprio sito internet  e dalla stessa Myroma sottoposto all’attenzione dell’A.S. Roma.
Myroma ha creato, pertanto, una sorta di appuntamento settimanale nel quale vengono sintetizzati gli aspetti principali che il Club deve sempre tenere in considerazione, alla luce del fatto che presto inizierà la costruzione del nuovo stadio a Roma.
Ecco alcune delle tante attività nate per sensibilizzare gli utenti ed abbattere le barriere architettoniche negli stadi:

Audiodescrizione per i Non Vedenti

Per quanto riguarda in particolare i non vedenti, sempre seguendo le linee guida CAFE – UEFA, Supporters Trust ha chiesto all’A.S. Roma di implementare un servizio di audiodescrizione delle partite giocate in casa all’interno dello Stadio olimpico: ad oggi, i tifosi non vedenti che si vogliono recare allo stadio, per assistere alla partita, possono richiedere un apposito device con il quale seguire la partita, ascoltandone contemporaneamente l’audiodescrizione.

Stadio Bus per i disabili motori

Lo Stadio Bus 2012, per accompagnare le persone disabili allo stadio, è un progetto che si e’ realizzato in occasione del 138° derby di campionato tra A.S. Roma e S.S. Lazio, promosso dall’associazione dell’azionariato popolare giallorosso MyROMA, in collaborazione con la Fondazione Gabriele Sandri e la Cooperativa Sociale Onlus “Nuovi Orizzonti”, con lo scopo di porre l’attenzione sul tema della disabilità.

All’interno degli impianti sportivi, infatti, devono esserci spazi accessibili per persone con disabilità – e per disabilità non s’intende soltanto quella motoria ma anche uditiva e visiva – in tutti i settori e non solo nelle aree attrezzate, che creano isolamento invece di creare inclusione sociale.

Quest’anno, il derby appena passato ha visto la partecipazione di alcuni Soci disabili di MyROMA che, grazie alla collaborazione tra il Trust e la Società giallorossa, hanno avuto la possibilità di varcare i cancelli di Trigoria per una visita alla squadra nei giorni immediatamente antecedenti la “stracittadina”, per poi recarsi insieme allo Stadio ed assistere alla partita.

E le altre squadre di calcio cosa stanno facendo in materia? Hanno recepito la guida? Chiunque fosse a conoscenza di progetti sull’accessibilità degli stadi, promossi dalle altre squadre, me lo segnali."

Articolo scritto da Barbara La Rosa in collaborazione con Paola Accomando e Giuseppe Cuscusa.

Pubblicato in Politiche Sociali

Doveva essere il derby del noi contro loro, del ritorno all'origine , della vittoria della maglia...in realtà siamo usciti tutti con l'amaro in bocca. Ma dagli spalti dell'affollata tribuna tevere noi avevamo un sorriso grosso cosi! Grazie a MyROMA abbiamo assistito al derby capitolino con motivazione evidentemente superiore agli 11 scesi in campo. Eravamo lì a testimonianza che appartenere al Supporter Trust vuol dire essere la Roma! Noi direttamente coinvolti abbiamo portato quel senso imprescindibile che l'azionato popalare ha in se: essere responsabili all'interno del nostro club. E forse paradossalmente i 5 daspo dati ieri sera a giovani in preda ad una "crisi d'identità" riassumono il lavoro che ci aspetta per costruire nuove coscenze capaci di competere con le più grandi e civili tifoserie europee. Ovviamente accompagnare allo stadio chi diversamente non avrebbe potuto andarci è un gesto responsabile che ci modernizza al fronte di ogni avanguardia tecnologica. Paradossalmente il nostro derby è stato vinto in relazione anche allo striscione apparso in curva nord sulla card away....

Bisogna necessariamente raccontare l'antefatto per cercare di spiegare il perchè del nostro entusiasmo. Come detto l'intento di MyROMA è quello di renderci protagonisti del processo di sviluppo della A.S.Roma grazie anche alla nostra partecipazione al capitale sociale AS Roma. Bene, noi il pre derby lo abbiamo vissuto come se fossimo Sabatini e Baldini. Grazie al Dipartimento Politiche Sociali di MyROMA e alla gentilezza di Antonio Tempestilli, martedi 3 aprile la visita a Trigoria è stata possibile. Tanto che l'entusiasmo di Marco, Gabriele e Vincenza durate il tour mattutino ha coinvolto anche gli addetti ai lavori.

E come ogni “visita al museo” che si rispetti anche noi avevamo la nostra guida. Un cicerone simpaticissimo il Sig.Emilio, che tra aneddoti e racconti ci ha fatto rivivere la storia della Roma da Masetti a Totti. Il tempo mite ha reso la visione dell'allenamento speciale, tanto da farci trattenere dall’esultare al gol durante la partitella. Il religioso silenzio è stato interrotto dalla fragorosa risata al “ciao belli” del Capitano. Ma come non agitarsi a stare a pochi metri dalla squadra per cui ci batte il cuore, sapendo che si sta preparando alla partita più importante della stagione? Mercoledì è stato messo un altro tassello nella costruzione della Roma che vorremmo. Aperta e vicina ai propri tifosi! Per questo, all'uscita del Fulvio Bernardini, a Totti, De Rossi, Osvaldo, Florenzi, Bradley, Torosidis abbiamo cercato di dare tutta la nostra carica, proprio come ha fatto sicuramente Mister Andreazzoli nel tunnel dell'olimpico. E siamo sicuri che Bruno, il cane di trigoria che mangia la gricia al posto dei croccantini, al rientro della squadra saprà strigliarli meglio di 100 tifosi arrabbiati.

È di nuovo il noi a fare da sfondo alla giornata che ripaga il nostro lavoro. In ragione di ciò MyROMA apre le porte a chi ne condivide i valori appoggiando il Supporters Trust attraverso l'adesione e la partecipazione. Poi certo, il derby giocato sul campo di pallone è stata tutt’ altra cosa! L'urlo partito al fallito gol di Florenzi ha risvegliato tutta Monte Mario al pari del rigore sbagliato da Hernanes. Ci ha consolato l'ennesimo record del Capitano e la sua leggerezza nel correre sugli undici metri. Noi  siamo pronti alle prossime sfide calcistiche e non, perché andiamo sempre cor core acceso da na passione."

 

 

Pubblicato in Politiche Sociali

 

Giovedì 15 novembre MyROMA è stata protagonista di una giornata storica.
Per la prima volta a Roma un gruppo di tifosi disabili affiliati al CAFE, accompagnati dalla referente polacca Maria Popielawska, ha varcato le soglie dello Stadio Olimpico e visitato lo stadio fin nelle sue "segrete".

E' iniziato tutto con una mail inviata dal CAFE al Dipartimento Politiche Sociali di MyROMA, nella quale si chiedeva la nostra collaborazione per consentire ad un gruppo di ragazzi disabili e relativi accompagnatori di poter visitare lo Stadio Olimpico di Roma per avere una visione sulle sue attuali condizioni di accessibilità.
Abbiamo immediatamente contattato l'A.S.Roma, nella persona di Marco Seghi, che subito si è reso disponibile e si è prodigato affinché l'iniziativa potesse essere realizzata.

E' stata davvero una grande emozione quando il delegato MyROMA Paola Accomando, il Responsabile per i rapporti con i Tifosi dell'A.S.ROMA Marco Seghi ed il responsabile CONI Davide De Simini si sono trovati di fronte la delegazione del CAFE guidata da Maria Popielawska e Marta Ostrowska (delegata dell'associazione polacca "Podroze bez granic").

Il tour guidato è iniziato dalla Tribuna Tevere, dove abbiamo mostrato ai visitatori i posti riservati ai disabili. Il gruppo ha apprezzato molto il divisorio in plexiglas utilizzato per separare la parte superiore dal parterre.
In seguito il gruppo è stato accompagnato verso il tunnel che conduce sul terreno di gioco. Grandissima emozione da parte di tutti nel vedere da vicino uno dei campi più famosi al Mondo!

Sembrava che la visita dovesse volgere al termine, quando il delegato del CONI ha chiesto al leggendario Piero, il padrone degli spogliatoi dell'Olimpico, di aprire le porte della "pancia" dello stadio.
Il gruppo ha potuto visitare gli spogliatoi di Roma e Lazio, passando davanti alla Mixed Zone e all'entrata di centrocampo.

Insieme con A.S.Roma e CONI abbiamo realizzato un'iniziativa molto importante e speriamo sinceramente che in futuro momenti come questi possano diventare di prassi.
Ci teniamo a ringraziare sentitamente l'A.S. Roma per la pronta collaborazione e la generosità mostrata regalando a tutti gli ospiti un kit sciarpa-cappellino di benvenuto.
Ringraziamo altresì il CONI che, nonostante i lavori in corso per l'adeguamento dell'impianto alla gara di rugby di sabato 17, ha dimostrato attenzione e si è prodigato affinché l'evento potesse avere luogo.

 

Pubblicato in Politiche Sociali

 

La Guida CAFE - UEFA dedica una sezione specifica ed esauriente al tema della segnaletica accessibile e delle modalità inclusive di informazione all'interno dello stadio.
Questo capitolo è dedicato prevalentemente a persone ipovedenti e con problemi di ipoacusia.

Il CAFE propone l'utilizzo di formati di stampa alternativi, ad esempio con caratteri ingranditi, con contrasti di colore accentuati e testi organizzati con modalità logiche facilmente intuibili anche da coloro che utilizzano supporti meccanici per agevolare la lettura.
E' altresì auspicabile l'uso di supporti digitali per fornire le informazioni relative alla partita in programma: alcuni clubs europei forniscono i dati della partita tramite file in formato .DOC o .RTF, così da essere facilmente tradotti dai programmi "screen reader", utilizzati spesso da non vedenti.
Una giusta considerazione meritano i siti web: il sito ufficiale del club dovrebbe prevedere una modalità accessibile agli ipovedenti, con caratteristiche di caratteri e di layout descritti in precedenza.

Audiodescrizioni

L'audiodescrizione per non vedenti è una pratica in uso già da diversi anni in Austria e sperimentata con successo anche negli ultimi Europei di calcio di Ucraina e Polonia.
MyROMA ha proposto il progetto all' A.S.Roma nel corso della scorsa stagione e quest'anno, in occasione di Roma - Atalanta, è finlamente partita la fase "beta" del progetto.

"Si tratta di una narrazione aggiuntiva che descrive tutte le informazioni visive importanti, come il linguaggio del corpo, le espressioni del viso, lo scenario, l’azione, l’abbigliamento, i colori della squadra."

Non è pensabile che l'audio descrizione sia eseguita da giornalisti e commentatori TV, poiché costoro si basano su eventi che possono essere visti al tempo stesso dagli spettatori. Possiamo collocare in posizione favorevole i radiocronisti, più spesso abituati a dover raccontare immagini che altri non vedono. Tuttavia, l'audiodescrizione è una pratica che richiede formazione ed esercizio.

I tifosi non vedenti, una volta entrati all'interno dello stadio, ricevono una piccola radio FM  la quale capta un segnale dedicato attraverso il quale usufruire dell'audiodescrizione.
Al termine della partita la radiolina viene restituita al desk di riferimento predisposto dal club.

Ausili per ipoacusia

L'ipoacusia non riceve sempre la considerazione che merita, invece è più diffusa di quanto immaginiamo.
Il CAFE raccomanda la presenza di personale adeguatamente formato e che conosca la lingua dei segni.
E' importante l'installazione di altoparlanti nelle parti strategiche dello stadio oltre ad un sistema di allarme acustico per i casi di emergenza.
Infine, il CAFE ci suggerisce maxi-schermi che diffondano immagini corredate di sottotitoli.

Vi rimando al link di inizio articolo per gli approfondimenti.

Nella prossima puntata parleremo delle attrezzature accessibili correlate ai servizi igienici e ai servizi di primo soccorso.
Non mancate!
 

Pubblicato in Politiche Sociali

Oggi parliamo di un argomento che a me personalmente sta molto a cuore: l'accessibilità di tutti i settori dello Stadio.
La nuova casa della Roma non potrà prescindere da questo importantissimo aspetto; oggi sappiamo che i posti riservati ai tifosi disabili sono disponibili solo ed esclusivamente in Tribuna Tevere. Questo è il risultato di un vecchio concetto di disabilità, la mentalità della "ghettizzazione" è senz'altro obsoleta e fuori luogo per la modernità imposta dal terzo millennio.

Secondo la Guida CAFE - UEFA è indispensabile che il Club si assicuri di avere un numero adeguato di posti accessibili in tutto lo stadio.
I nuovi stadi devono essere progettati in modo da essere inclusivi fin dall'inizio, offrendo posti a sedere accessibili in numero proporzionale alla totalità dei posti.
Affinché questo sia possibile, è necessario pianificare l'accessibilità con standard comuni in tutti i settori dello stadio, in Tribuna VIP come in Curva. Ancora più importante è la necessità di non prevedere posti con minore visibilità perché "tanto sono predisposti per i non vedenti"; questo tipo di affermazione denota quanta approssimazione vi sia nel trattare argomenti di cui si conosce poco o nulla. Non tutti i non vedenti sono tali al 100%. Anzi, la maggiorparte sono "ipovedenti" ed in quanto tali riescono molte volte a distinguere le ombre oppure i contorni approssimativi di oggetti e persone. Posizionare in prossimità del terreno di gioco i posti dedicati a costoro, è sicuramente un'ottima mossa.

La guida illustra il metodo utilizzato dal team di esperti consultati dall'UEFA per calcolare il numero di posti necessario e la qualità che questi devono possedere.
Iniziamo subito dicendo che uno stadio per il quale sono previsti 40.000 posti o più necessita di 210 + 2 posti accessibili confortevoli ogni 1.000 posti oltre i 40.000. Questo vuol dire che uno stadio da 50.000 posti deve prevedere 310 posti accessibili confortevoli; uno stadio da 70.000 posti deve prevedere 350 posti accessibili confortevoli in tutto l'impianto.
I cosidetti "posti accessibili confortevoli" sono posti progettati "ad hoc": devono essere facilmente raggiungibili, possedere caratteristiche di comodità e versatilità adeguate come ad esempio uno spazio maggiore per gli arti inferiori, un seggiolino più ampio, uno schienale idoneo e dei braccioli.
I "posti accessibili confortevoli" vengono descritti all'interno della guida come unità fondamentale all'interno del nuovo stadio, anche perché possono aiutare a prevedere un numero minore di posti per sedie a rotelle qualora risultino ben progettati.

Gli spazi per le sedie a rotelle devono essere presenti in tutto lo stadio: non è assolutamente accettabile che siano previsti posti per carrozzine solo in un dato settore.
Gli stessi requisiti enunciati sopra per i posti "confortevoli", valgono nella stessa misura per i posti assegnati alle sedie a rotelle.

Abbiamo accennato alla visibilità del campo: argomento fondamentale e caratteristica indispensabile che i posti a sedere devono avere. La completa visibilità del terreno di gioco deve essere garantita a tutti, disabili e non. In questo contesto parliamo degli standard inclusivi per la visione della partita. La visibilità deve essere garantita anche qualora vi siano persone in piedi poste davanti alle sedie a rotelle. Immaginiamo il momento del gol, istante topico, il momento più bello della partita. Il tifoso diversamente abile è costretto a rimanere seduto, mentre tutti si alzano ad esultare; ecco come si perde un momento unico per colpa di standard inclusivi non rispettati.
Secondo la guida, "nessuna parte del campo o terreno di gioco deve essere più lontana di 190 m da qualsiasi posto a sedere o settore, e la linea di visione non deve essere ostacolata da barriere,balaustre, corrimano, supporti per coperture, pilastri o colonne."
 

L'immagine mostra la formula matematica usata per calcolare la cosiddetta "linea di visione", dove C è la linea di visione, D è la distanza orizzontale dall'occhio al punto focale, N è l'altezza della persona che si alza in piedi, R è l'altezza verticale fino al punto focale e T è la profondità della fila dei posti a sedere.

 

L'immagine qui a fianco può sicuramente aiutare a capire meglio l'applicazione delle formula matematica precedente.

Per ora ci fermiamo qui. La prossima settimana parleremo della segnaletica accessibile e degli ausili per tifosi non vedenti e non udenti.

Chi volesse documentarsi sull'argomento può scaricare la guida del CAFE e leggere gli articoli precedenti su questo tema

 


 

Pubblicato in Politiche Sociali

Proseguiamo il nostro percorso nello stadio accessibile ed entriamo nel vivo. Entriamo allo stadio!
 
La Guida CAFE-UEFA illustra le caratteristiche che devono possedere gli accessi dei tifosi non deambulanti.

Entrate ed uscite accessibili devono essere facilmente raggiungibili e progettate per non ostacolare il transito dei tifosi su sedia a rotelle. L'ideale sarebbe quello di progettarle libere dai tornelli, ma in caso di necessità si possono prendere in considerazione varchi con “braccia” apribili. Sia le entrate che le uscite accessibili devono essere ben segnalate attraverso i simboli internazionalmente riconosciuti.


La via di accesso ai settori deve essere piana, al fine di consentire un accesso rapido e sicuro. Nel caso in cui non fosse possibile, la pendenza non deve superare il 5% ed in questo caso sarà necessario provvedere ad installare elevatori e piattaforme elevatrici montascale e a muro.
Risultano fondamentali le misure degli spazi di movimento: la larghezza deve andare da 1,5 ad 1,8 mt mentre i punti di incrocio devono essere lunghi almeno 2 mt e larghi 1,8 mt.

E' indispensabile agevolare il movimento di persone ipovedenti e non vedenti. Per questo è necessario prevedere una segnaletica tattile da posizionare adeguatamente lungo il percorso, ad integrazione della segnaletica orizzontale (pavimentazione tattile).
La segnaletica deve essere ben visibile, di dimensioni e colori adeguati, con immagini e didascalie chiare, al fine di agevolare gli spostamenti e ridurli al minimo in caso di persone non deambulanti.
Ove possibile, i segnali visivi devono essere accompagnati da segnaletica tattile (Braille), collocati in posti facilmente raggiungibili anche da persone su sedia a rotelle.
I colori devono rappresentare un contrasto tale da poter essere visibili anche in lontananza; molti stadi utilizzano i colori sociali del Club per decorare colonne, porte e vetrate.

Il personale addetto (steward) deve essere adeguatamente formato. Il CAFE ci suggerisce di utilizzare personale idoneo a rispondere alle esigenze dei tifosi disabili, al fine di fornire il massimo dell'inclusività. Molti Club europei stanno adottando un atteggiamento sempre più inclusivo, ad esempio fornendo personale addestrato nell'uso della lingua dei segni (LIS).

Da ultimo, ma non per importanza, la guida CAFE ci parla di cani guida. Ebbene si, i tifosi non vedenti possono avere spesso la necessità di essere accompagnati dal proprio cane guida, poiché non tutti possono avere un accompagnatore "a due zampe".
Per questo è importante che il Club preveda zone adeguatamente spazione per l'accesso e la sosta dei cani - guida; punti di ristoro e "dog parking" possono essere posizionati anche all'esterno del perimetro dello stadio, a patto che vi sia prevista un'adeguata assistenza.

La prossima settimana entreremo nel merito delle caratteristiche che devono avere i settori!

Pubblicato in Politiche Sociali

 

Prima di addentrarci  in considerazioni sulle differenti sfaccettature dell' accessibilità, dobbiamo soffermarci sulle operazioni preliminari che il Club deve compiere affinché l'inclusività dello stadio sia garantita e si ponga su solide fondamenta.

In particolare, svilupperemo i seguenti argomenti:

1) DICHIARAZIONE DI INTENTI
2) VALUTAZIONE E PIANIFICAZIONE DELL'ACCESSIBILITA'
3) INDIVIDUAZIONE DEI RESPONSABILI PER L'ACCESSIBILITA'

Dichiarazione di intenti

Si tratta della Carta per la Responsabilità Sociale (CRS) che ogni Club deve stilare. Essa deve individuare le caratteristiche degli impianti e dei servizi che lo stadio deve possedere.

Parliamo perciò delle entrate, dei posti a sedere, delle zone VIP, stampa, degli uffici eccetera; per quanto riguarda i servizi, parliamo del ticketing, dei parcheggi, della quantità e della qualità del personale addetto, dei servizi di assistenza e delle attività commerciali.
E' inoltre importante che la CSR contenga i riferimenti relativi al dirigente A.S.Roma dedicato alle relazioni con i tifosi disabili. Di costui parleremo nella parte finale di questo articolo.
In poche parole, è indispensabile che la CSR definisca l'impegno del Club a fornire parità di accesso a tutti gli utenti.

Come eseguire la valutazione di accessibilità?

La valutazione di accessibilità deve essere compiuta congiuntamente dal Club, dal costruttore e da una o più persone competenti in materia; è fondamentale infatti l'apporto di specialisti in edilizia accessibile che abbiano anche un'ottima conoscenza della normativa europea e locale vigente.
L'obiettivo della valutazione è quello di identificare le carateristiche dei servizi che potrebbero imporre barriere fisiche, sensoriali, psicologiche ed intellettuali. Il consiglio che proviene dalla UEFA e dal CAFE è quello di svolgere questa attività simulando il percorso che la persona disabile compie quando si reca all'interno dell'impianto.

Cosa deve includere la valutazione di accessibilità?

a) la dichiarazione di conformità alle normative vigenti;
b) la filosofia ed i principi cardine del Club per la progettazione, la manutenzione ed il miglioramento della gestione degli impianti e dei servizi;
c) la consultazione periodica con i tifosi disabili, al fine di individuare le criticità, circoscriverle e risolverle.

 

I responsabili dell'accessibilità (RA): caratteristiche e compiti.

Il responsabile dell'accessibilità (RA) deve essere una persona individuata dal Club e deputata ai rapporti con i tifosi disabili.

E' possibile individuare questa figura in corrispondenza dello SLO (Supporters Liasor Officer - previsto dall'articolo 35 del Regolamento UEFA sulle Licenze per Club e sul Fair Play finanziario), o meglio individuarlo in persona differente che lavori a strettissimo contatto con esso. L'RA deve avere una chiara e completa conoscenza della normativa vigente ed essere in grado di interloquire con l'intera tifoseria disabile, riconoscendo, valutando e seguendo le necessità espresse da questa tifoseria. Deve assicurarsi che il Club rispetti gli impegni presi con la dichiarazione di intenti ed applichi in modo corretto le strategie intraprese nel merito.
Deve essere sempre presente nei giorni delle partite, facilmente raggiungibile e contattabile, garantendo la completa operatività.

Per questa settimana ci fermiamo qui. Con il prossimo articolo entreremo all'interno dello stadio ed inizieremo ad analizzare approfonditamente alcuni aspetti.

Ricordo ai lettori che quanto stiamo scrivendo è un riassunto a puntate della "Good Practice Guide" di UEFA e CAFE .

 

 

Pubblicato in Politiche Sociali
Venerdì, 14 Settembre 2012 08:37

STADIO BUS

 

Il progetto Stadio Bus nasce contestualmente alla nascita di MyROMA. L’attenzione per il sociale è alla base di tutti i movimenti di azionariato popolare; per questo abbiamo costituito il Dipartimento Politiche Sociali, che si è subito messo al lavoro per uniformare MyROMA alle linee guida della UEFA e del CAFE (Centre for Access to Football in Europe).

Fin dall’inizio i Soci si sono dimostrati sensibili e disponibili ad adoperarsi per i nostri tifosi "Speciali".

Abbiamo iniziato cercando di coinvolgere le Istituzioni Locali (Comune, Provincia e Regione), purtroppo invano. Ci siamo scontrati con l’indifferenza e la freddezza della burocrazia, ma non ci siamo demoralizzati.

Il 19 gennaio 2011, in occasione di Roma – Lazio di Coppa Italia, abbiamo regalato un momento di gioia ad una decina di ragazzi diversamente abili, in collaborazione con una cooperativa che fornisce servizi socio assistenziali a ragazzi e ragazze disabili.

La replica è arrivata il 4 marzo 2012, quando insieme alla Fondazione Sandri abbiamo organizzato lo Stadio Bus con 15 ragazzi tifosi di Roma e Lazio.
Con queste iniziative abbiamo voluto inziare un percorso importante e basilare per un Supporters Trust: quello di garantire a tutti i tifosi la possibilità di recarsi allo stadio per vedere la Magica Roma.
Grazie all’aiuto dei nostri Soci siamo riusciti in queste piccole grandi attività, ma per proseguire e migliorare abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti i tifosi.

Uno stadio accessibile ed inclusivo non è un’utopia.

Se volete aiutarci o avete bisogno di ulteriori informazioni, contattate il Dipartimento politiche sociali all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pubblicato in MyROMA Tablet
Giovedì, 16 Agosto 2012 12:44

STADIO BUS

 

Il progetto Stadio Bus nasce contestualmente alla nascita di MyROMA. L’attenzione per il sociale è alla base di tutti i movimenti di azionariato popolare; per questo abbiamo costituito il Dipartimento Politiche Sociali, che si è subito messo al lavoro per uniformare MyROMA alle linee guida della UEFA e del CAFE (Centre for Access to Football in Europe).

Fin dall’inizio i Soci si sono dimostrati sensibili e disponibili ad adoperarsi per i nostri tifosi "Speciali".

Abbiamo iniziato cercando di coinvolgere le Istituzioni Locali (Comune, Provincia e Regione), purtroppo invano. Ci siamo scontrati con l’indifferenza e la freddezza della burocrazia, ma non ci siamo demoralizzati.

Il 19 gennaio 2011, in occasione di Roma – Lazio di Coppa Italia, abbiamo regalato un momento di gioia ad una decina di ragazzi diversamente abili, in collaborazione con una cooperativa che fornisce servizi socio assistenziali a ragazzi e ragazze disabili.

La replica è arrivata il 4 marzo 2012, quando insieme alla Fondazione Sandri abbiamo organizzato lo Stadio Bus con 15 ragazzi tifosi di Roma e Lazio.
Con queste iniziative abbiamo voluto inziare un percorso importante e basilare per un Supporters Trust: quello di garantire a tutti i tifosi la possibilità di recarsi allo stadio per vedere la Magica Roma.
Grazie all’aiuto dei nostri Soci siamo riusciti in queste piccole grandi attività, ma per proseguire e migliorare abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti i tifosi. 

Uno stadio accessibile ed inclusivo non è un’utopia.

Se volete aiutarci o avete bisogno di ulteriori informazioni, contattate il Dipartimento politiche sociali all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pubblicato in MyRoma
MyROMA CF: 97606210587 | Copyright MyROMA